Lettori fissi

Translate

venerdì 17 maggio 2013

Momenti di trascurabile felicità

 
Babottine care, come state? tutto bene?
Avrei dovuto pubblicare questo post già da diversi giorni ma ho avuto alcuni problemi sul lavoro, e il mio stato d'animo non era quello giusto.
Come sapete già, il primo sabato di maggio sono stata a Padova a conoscere Lorenza, la nostra Lory.
Ho trascorso con lei un pomeriggio fantastico. E’ stato un momento di trascurabile felicità. Secondo Francesco Piccolo, uno dei miei scrittori preferiti, i momenti di trascurabile felicità sono quei momenti che possono annidarsi ovunque, pronti a pioverti in testa e farti aprire gli occhi su qualcosa che fino ad un attimo prima non avevi considerato, sono in realtà quei piaceri intensi e volatili che punteggiano le nostre giornate, accendendone i minuti come fiammiferi nel buio.
Ecco, per me, e sono sicura anche per Lory, il pomeriggio trascorso insieme al prato della valle è stato proprio un momento di quelli. 
Sicuramente alcune di voi hanno già avuto il piacere di conoscerla, io posso aggiungere che Lory è una donna molto simpatica e gentile come poche.
Guardate un po' che bel regalo mi ha fatto.
 



Un bel cestino porta tutto, realizzato in maniera impeccabile, accompagnato da un bigliettino ricco di parole dolci e affettuose.
Il tempo passato in sua compagnia è volato via piacevolmente.
Abbiamo chiacchierato, ciacolato, babeggiato, riso e scherzato, il tutto sotto un bel sole, sedute sulla panchina di una piazza spettacolare. Ci siamo anche scambiate piccoli consigli e suggerimenti sul cucito.
Personalmente avrei voluto che il tempo si fermasse, invece è arrivato il momento per me di riprendere il treno e partire. Alla stazione ci siamo salutate con un lungo abbraccio, con un pizzico di tristezza e naturalmente con la gioia nel cuore per esserci conosciute. Mi auguro di poterla rincontrare presto per altre piacevoli ciaoe padovane.
Buon fine settimana a tutte.
kiss kiss
Rita
 
 
 
 
 
 

4 commenti:

  1. eccole le due quiltiste (così faccio incazzare la Vigni perché si dice quilters) sedute alla grande che se la contano...... brave, ma allarghiamo la prossima volta che ne dite...? un bacio Ale

    RispondiElimina
  2. fai incazzare anche me: "quiltiste" non si può sentire!!!!!!!!!!!!!!!
    allarghiamo, ci pensavo da mesi poi ho mollato il colpo, avevo trovato anche l'albergo a prezzi modici vicino a bergamo.
    baci Babottacce

    RispondiElimina
  3. anzi, in realtà l'albergo l'ha trovato la Gruvy :)

    RispondiElimina
  4. fermi tutti si sta movendo la Brunella mi pare che ha parlato con Rita, che parlera' con noi. vediamo a settembre.........adk

    RispondiElimina